Condilomatosi nell'uomo, che fare ? | Andrologo Roma, Urologo Roma

Domanda: Condilomatosi nell'uomo, che fare ?

Buona sera Dottore,
le scrivo in quanto spinto dal desiderio di capire quanto il virus HPV ed i conditomi sono effettivamente trasmissibili, e come mitigare il rischio.
4 anni fa mi sono accorto di avere vari “ciccetti” di pelle, tra i peli pubici, e li tolsi all’ IDI con la tecnica del curettage, non sapendo ancora precisamente se si trattasse di condilomi o no.
Evidentemente la pratica non è stata effettuata bene, oppure essendo il virus resistente, si sono ripresentati altri due, alla base del pene, all’attaccatura con il pube. Negli anni ho trascurato questo problema, e solo la settimana scorsa li ho bruciati con la crioterapia dal dermatologo al San Gallicano. Sono comunque in pensiero per me e la mia patner attuale. Anche se tutte le mie partner passate non hanno lamentato nessun problema del genere, visto forse la posizione abbastanza sicura in cui sono spuntati questi due ultimi condilomi, vorrei avere la certezza che questa non avvenga più e che non lo trasmetta a lei ora.

Risposta: Dr. Militello Andrea

 

Salve Ivan purtroppo non possiamo scongiurare definitivamente una nuova infezione. Spesso il virus rimane anche per anni a livello del sottocute e può svilupparsi nei casi di abbassamento delle difese immunitarie


Un caro saluto, Dr. Andrea Militello (contatti)




Ricerca in Esperto Risponde





INSERISCI DOMANDA