Le onde d’urto per la disfunzione erettile funzionano - Disfunzione Erettile

Le onde d’urto per la disfunzione erettile funzionano  Disfunzione Erettile

E’ fisiologico che tolti gli entusiasmi iniziali il paziente , che deve affrontare anche una spesa personale, voglia sapere se le nuove metodiche proposte funzionino o meno. Chiaramente possiamo solo parlare di percentuali, noin sempre ciò che è entusiasmante per un paziente lo sarà anche per quello successivo e viceversa.

Riporto l’esperienza dal congresso Europeo dell’European Association of Urology, che si è svolto a marzo a Copenaghen

Vi è una mancanza di ottimizzazione basata su prove del protocollo per la terapia a onde d'urto a bassa intensità per la disfunzione erettile. Inoltre, la sicurezza e l'efficacia della terapia a onde d'urto ripetute non sono state esplorate.

Per confrontare l'efficacia e la sicurezza delle sessioni di trattamento 6 e 12 entro un periodo di trattamento di 6 settimane e indagare l'effetto della ripetizione del trattamento dopo un periodo di 6 mesi in uno studio a 2 fasi.

 

METODI:

I pazienti con disfunzione erettile vasculogenica che rispondeva agli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 sono stati randomizzati in 2 gruppi: sessioni di terapia con onde d'urto a bassa intensità una volta (gruppo A, n = 21) o due volte (gruppo B, n = 21) a settimana per 6 settimane consecutive ( fase 1). Ai pazienti che hanno completato il follow-up a 6 mesi sono state offerte 6 sessioni aggiuntive (fase 2); il gruppo A ha ricevuto 2 sessioni a settimana e il gruppo B ha ricevuto 1 sessione a settimana. I pazienti sono stati seguiti per 6 mesi.

 

RISULTATI:

Indice internazionale del punteggio della funzione erettile (IIEF-EF), differenze minime clinicamente importanti (MCID), punteggio 3 della domanda sessuale (SEP3) e parametri ultrasonografici triplici.

Nella fase 1, i gruppi A e B hanno mostrato un miglioramento nel punteggio IIEF-EF, MCID, punteggio SEP3 e velocità sistolica media superiore rispetto al basale. Gli MCID sono stati raggiunti nel 62% del gruppo A e nel 71% del gruppo B, e la percentuale di risposte sì a SEP3 era del 47% nel gruppo A e del 65% nel gruppo B (P = 0,02). La velocità sistolica media di picco al basale e al follow-up a 3 mesi era 29,5 e 33,4 cm / s per il gruppo A e 29,6 e 35,4 cm / s per il gruppo B (P = 0,06). Nella fase 2, il gruppo A ha mostrato un maggiore aumento della percentuale di risposte sì a SEP3 (gruppo A = +14,9, gruppo B = +0,3). Quando è stato esaminato l'impatto del numero totale di sessioni ricevute, gli MCID nel punteggio IIEF-EF rispetto al basale sono stati raggiunti nel 62%, nel 74% e nell'83% dei pazienti dopo 6, 12 e 18 sessioni, rispettivamente. Non sono stati segnalati effetti collaterali correlati al trattamento.

 

IMPLICAZIONI CLINICHE:

Il numero totale di sessioni di terapia con onde d'urto a bassa intensità influenza l'efficacia del trattamento della disfunzione erettile. Ritrattare i pazienti dopo 6 mesi potrebbe ulteriormente migliorare la funzione erettile senza effetti collaterali. 12 sessioni possono essere effettuate entro 6 settimane senza un periodo di pausa di 3 settimane.

 

RESISTENZE E LIMITAZIONI:

Questo studio mancava di un braccio controllato. Tuttavia, tutti i pazienti sono stati randomizzati a gruppi diversi e le caratteristiche basali erano simili tra i gruppi. Inoltre, tutti i pazienti sono stati confermati dall'ecografia triplex per avere un'insufficienza arteriosa.

 

CONCLUSIONE:

I pazienti possono beneficiare di più prestazioni sessuali da 12 sessioni due volte a settimana rispetto a 6 sessioni una volta a settimana. La terapia con onde d'urto può essere ripetuta fino a un totale di 18 sessioni

 

Fonte :

Kalyvianakis D, Memmos E, Mykoniatis I, et al. Low-Intensity Shockwave Therapy for Erectile Dysfunction: A Randomized Clinical Trial Comparing 2 Treatment Protocols and the Impact of Repeating Treatment. J Sex Med 2018;15:334-345.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2639578



Un caro saluto, Dr. Andrea Militello

 

"..Continua la lettura di altri articoli"